E’ stata inaugurata lo scorso 27 giugno la nuova sede della CNA di L’Aquila in via Pescara, 2 “Centro Direzionale Strinella 88”, con la benedizione di S.E. Mons. Orlando Antonini Nunzio Apostolico, contestualmente allo svolgimento dell’Assemblea quadriennale elettiva 2017 “Connessi al cambiamento”. L’evento ha visto la partecipazione, oltre che di  rappresentanti delle nostre imprese associate, anche delle istituzioni del Comune, della Provincia, della Regione e del Governo. Rilevante anche la partecipazione del Segretario Generale Nazionale CNA Sergio Silvestrini. Una struttura di 650 mq, completamente ristrutturata moderna ed efficiente, opportunamente adeguata agli standard qualitativi e di sicurezza, dotata di un auditorium di 99 posti, un’aula di formazione da 35 posti, uffici ed infine di 2 laboratori che coprono una superficie complessiva di 125 mq, dove i nostri artigiani possono esporre le migliori opere d’arte, con particolare riguardo a quelle che si contraddistinguono per l’originalità e l’innovazione. L’istituzione di una nuova sede ha anche un valore emblematico, ha dichiarato Agostino del Re, direttore della CNA L’Aquila, è un passo ulteriore che la nostra associazione, che rappresenta una grande realtà nell’ambito dello sviluppo economico, sia a livello locale che nazionale, ha voluto compiere verso una nuova concezione della rappresentanza. È necessario essere “connessi al cambiamento”, ovvero rappresentare e sostenere le proprie imprese associate che si trovano ad operare in uno scenario competitivo sempre più complesso e la presenza ed il supporto dell’associazione di categoria diventa assolutamente indispensabile. La nostra nuova sede, prosegue Del Re, sarà il luogo in cui le nostre imprese possano sentirsi a casa loro, in un ambiente protetto e sicuro in cui promuovere e sviluppare la propria attività. Il contesto economico locale e nazionale infatti, spinge le imprese e chi le rappresenta a percorrere nuove strade, cercare soluzioni innovative nelle quali il mondo della piccola impresa possa esercitare il suo ruolo propulsivo. La sfida che ci attende è quella di sostenere e dare valore alle imprese che stanno affrontando una difficoltosa crisi economica, mediante temi strategici come l’innovazione, la promozione, la crescita e lo sviluppo socio-economico, in un contesto gravemente ferito, un contributo concreto per il futuro dell’Aquila che faccia leva sulle grandi potenzialità del nostro territorio e sulle competenze ed esperienze delle nostre imprese locali. A tale riguardo la CNA propone e promuove politiche per lo sviluppo di tutti quei fattori economici, sociali e ambientali, allo scopo di favorire l’attività produttiva e promuovere l’attrattività del territorio.

Prezioso ed esaustivo è stato poi l’intervento di Sergio Silvestrini, Segretario Generale Nazionale Cna, il quale ha ribadito il valore anche simbolico dell’inaugurazione della nuova sede, il suo essere una “metafora della necessità di rinascere, di ripartire, di consolidare un processo di ricostruzione dell’intera città dell’Aquila e del suo territorio. Cna vuole essere protagonista di questo rilancio, lo è in tutte le sue forme, assistendo gli artigiani, gli imprenditori, dando la propria consulenza, costruendo una sorta di casa per le imprese qui all’Aquila. Abbiamo chiarissimo in mente che le nostre imprese hanno bisogno di servizi nuovi, di assistenza, di rappresentanza associativa, noi siamo qui per questo. Confidiamo- ha concluso Silvestrini- che i prossimi mesi, i prossimi anni, siano orientati al più grande rilancio della città”.

Qualcosa si muove anche dal Parlamento dove, grazie ad una serie di emendamenti, i fondi della ricostruzione dedicati allo sviluppo sono passati dall’1% al 4%. A livello cittadino è stato creato un bando dal titolo ‘Fare centro’, proprio per promuovere la rinascita delle attività produttive del centro e nei centri storici.

“L’associazione della Cna è solida, già all’indomani del sisma ha ripreso le sue attività – ha dichiarato la senatrice Stefania Pezzopane – ha saputo riassociare artigiani e piccoli imprenditori, ridando fiducia agli stessi e supportandoli nella delicatissima difficile opera di ripartenza. Ora, a distanza di 8 anni dal sisma, la Cna rafforza le sue posizioni e inventa anche un’occasione, all’interno dei propri spazi, per gli operatori, artigiani e piccoli imprenditori che possono in questo spazio non solo offrire la qualità dei loro prodotti, ma anche sperimentare nei laboratori delle conoscenze da mettere a disposizione degli altri”.

 

Fonte: «Agenzia DIRE » (www.dire.it)

MG 3091 9.0 MiB