Il decreto 3 giugno 2014 n. 120 ha previsto che la formazione del responsabile tecnico sia attestata mediante una verifica iniziale di preparazione del soggetto e, con cadenza quinquennale, mediante verifiche volte a garantire il necessario aggiornamento.

La Deliberazione del 30 maggio 2017 ha definito le modalità con cui devono essere effettuate queste verifiche iniziali dei responsabili tecnici, nei casi di soggetti aventi requisiti di titolo per svolgere il ruolo di responsabile tecnico, che non abbiano però mai avuto incarichi di RT.

Teniamo a precisare che i responsabili tecnici di imprese già iscritte all’albo gestori ambientali non devono al momento effettuare nè formazione nè alcun test di verifica.

E’ il caso di titolari di imprese artigiane (es. imprese edili) che siano anche responsabili tecnici per l’iscrizione all’Albo Gestori ambientali, ad esempio per la categoria del trasporto in conto proprio dei rifiuti non pericolosi prodotti dalle loro lavorazioni (categoria 2 bis): essi, per il momento, non devono effettuare la formazione. La stessa, con verifica dell’apprendimento, dovrà essere effettuata entro il 2021, con modalità che dovranno essere definite e che avremo cura di comunicarvi.

I RT già in essere possono peraltro svolgere il medesimo compito anche per altre imprese che debbano iscriversi all’Albo gestori, limitatamente alla stessa categoria e classe di iscrizione della prima impresa per la quale risultano essere RT, e questo anche dopo il 16/10/2017.

Di seguito, il link dell’albo gestori ambientali, in cui reperire tutte le informazioni: http://www.albonazionalegestoriambientali.it/

Per ogni ulteriore informazione potete contattarci ai nostri uffici. Ing. Roberta Dell’Aguzzo.