SISTRI – SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI PER LE IMPRESE

PROPONIAMO UNA SINTESI DEGLI OBBLIGHI PRINCIPALI PER L’IMPRESA

 

Soggetti obbligati

L’obbligo riguarda i rifiuti speciali pericolosi, per queste categorie:


I produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi, con esclusione di quelli non organizzati in forma di ente o impresa (es. medici dentisti);

▪    gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a  titolo professionale, compresi i trasportatori nazionali e stranieri che trasportano i rifiuti transfrontalieri, per la tratta nazionale;

▪    gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero,  smaltimento di rifiuti speciali pericolosi;

▪    i nuovi produttori di rifiuti speciali pericolosi, per i quali viene previsto un duplice obbligo di iscrizione, sia come gestori sia come produttori (con imposizione di entrambi i contributi).

▪    I nuovi produttori, in sostanza, sono i gestori che producono rifiuti pericolosi dall’attività di gestione (es. l’autodemolitore che produce batterie e oli minerali esausti).

 

I commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi sono soggetti sia per gli urbani sia per gli speciali.
I comuni e le imprese di trasporto rifiuti della regione Campania, restano soggetti per i rifiuti urbani, sia pericolosi sia non pericolosi.
Tutte le altre categorie non menzionate tra gli obbligati possono aderire volontariamente, si tratta:
dei produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi;

- degli enti e le imprese che effettuano attività di gestione dei rifiuti speciali non pericolosi;
- dei trasportatori di rifiuti urbani delle regioni diverse dalla Regione Campania.

 

Operatività 

L’operatività è iniziata dal 1° ottobre per:
• enti e imprese  che trasportano rifiuti speciali pericolosi per c/t,
• enti e imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero  e smaltimento di rifiuti speciali pericolosi,
• enti e imprese che effettuano operazioni di intermediazione e commercio di rifiuti urbani e speciali pericolosi,
• nuovi produttori di rifiuti speciali pericolosi.

L’operatività inizierà il 3.3.2014, per:
•  i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, anche per l’attività di trasporto dei propri rifiuti,
•  i comuni e i centri di raccolta e le imprese di trasporto della regione Campania, per i rifiuti urbani.
In questa fase la procedura prevista per  i trasportatori,  in base ad una del  Ministero, è quella descritta nel Manuale operativo Sistri nel caso di trasportatore iscritto con produttore non iscritto. In questo modo il trasportatore si fa carico anche degli adempimenti per conto del produttore.
E’ previsto il doppio regime (SISTRI e adempimenti cartacei) per un mese, con l’applicazione delle sanzioni esclusivamente per le violazioni relative agli adempimenti cartacei ma che comporta comunque  un evidente aggravio degli obblighi formali.

Le sanzioni per le violazioni relative al SISTRI invece sono per fortuna sospese fino al trentunesimo giorno successivo all’avvio dell’operatività.
Il contributo di iscrizione è sospeso per gli anni 2012 e 2013, per effetto di due diverse disposizioni di legge (Decreto “Crescita” del 2013 e D.M. 20.3.2013).
Per il 2013 resta vigente il MUD che si presenterà entro il 30 aprile 2014.